7BROTHERS – 7 anemici samurai di John Woo

516991df83f433453daa2bffe8a3f2a1.jpg

Cartonato, 120 pp., col. 13euro – Creato da John Woo, di Garth Ennis (sceneggiatura) e J. Kang (disegni)

 

Nell’anno 1421 lo stregone soprannominato Figlio dell’inferno segue i viaggi di esplorazione della flotta imperiale cinese. Il suo scopo è quello di individuare ed imbrigliare il potere elementale delle linee geologiche che attraversano la terra. Vuole dominare il mondo. Fong, il suo apprendista, opponendosi alle macchinazioni del malvagio mentore, ingaggia una lotta a colpi di incantesimi che culmina con la morte di entrambi.

Ma il fascinoso Fong aveva predisposto anche un piano B: una “magica discendenza” concepita  con  donne facenti parte dei coloni lasciati in ogni luogo toccato dalla flotta, che avrebbe dovuto opporsi al male in caso di fallimento.

Los Angeles, oggi.

Il ritorno in vita del Figlio dell’inferno segna la riunione dei sette discendenti di Fong, inconsapevoli del compito a loro assegnato e maldestri nell’utilizzo dei loro poteri ma ben determinati a contrastare il maligno stregone.

Esordio italiano degli albi Virgin Comics – Director’s cut –  in un curatissimo volume per i tipi della Panini Comics. Malgrado l’ottima confezione, il prodotto si dimostra assai deludente fin dalla trama (di John Woo!) che risulta un concentrato di troppe cose già viste e sentite, a partire dalla millenaria lotta tra bene e male – qui unico pretesto senza particolari innovazioni – per arrivare alle scene d’azione condite di pistolettate e letali colpi fantasma (due minuti fa, mentre ti grattavi il naso, ti ho spezzato due costole e cavato un occhio con uno stuzzicadenti).

La caratterizzazione dei personaggi è al limite del semplice abbozzo, assolutamente monodimensionali e privi del minimo approfondimento psicologico, e funzionali all’ovvio dipanarsi degli eventi. Lo stesso Garth Ennis (!) lavora al minimo sindacale.

Le tavole di Jeevan Kang, ineccepibili per il loro suggestivo approccio pittorico, non riescono a mantenere quanto promesso, spesso prive della cura profusa nei primi capitoli. In un periodo storico in cui il fumetto è sempre più orientato ad un pubblico adulto, visti i nomi coinvolti, ci si aspettava qualcosa di più del semplice intrattenimento.

Frank Einstein
4eb7fcbfceeaa53282034b0d2ae6e868.jpg

 

7BROTHERS – 7 anemici samurai di John Wooultima modifica: 2007-07-16T21:35:00+00:00da nandokhan
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento